Guida ai Servizi – edizione 2021

Guida ai Servizi – edizione 2021

Cari concittadini,
questi ultimi due anni sono stati duri e complessi, anni in cui cisiamo trovati a fronteggiare un’emergenza sanitaria senza precedenti nella storia contemporanea.E anche la nostra comunità, purtroppo, è stata duramente provatadall’emergenza. Ma nonostante questo, abbiamo reagito.

Come Amministrazione, abbiamo lavorato fianco a fianco con le associazioni, con i volontari e con i medici, confrontandoci con le Istituzioni e impegnandoci al fine di garantire i necessari servizi e assistere al meglio i nostro cittadini in questo momento così complicato.

U𝐧’𝐚𝐦𝐦𝐢𝐧𝐢𝐬𝐭𝐫𝐚𝐳𝐢𝐨𝐧𝐞 a disposizione dei cittadini e di una comunità, quella di Pianezza, 𝐬𝐨𝐥𝐢𝐝𝐚𝐥𝐞 𝐞 𝐚𝐭𝐭𝐢𝐯𝐚 verso chi ha bisogno.E proprio pensando alla nostra cittadina, al suo passato, al presentee al futuro, alle aumentate esigenze e aspettative dei cittadini, che𝐚𝐛𝐛𝐢𝐚𝐦𝐨 𝐬𝐜𝐞𝐥𝐭𝐨 𝐝𝐢 𝐝𝐨𝐧𝐚𝐫𝐯𝐢 𝐪𝐮𝐞𝐬𝐭𝐚 𝐆𝐮𝐢𝐝𝐚 𝐚𝐢 𝐒𝐞𝐫𝐯𝐢𝐳𝐢, che vuole essere innanzitutto un vademecum a disposizione di tutti i cittadini per 𝐜𝐨𝐧𝐨𝐬𝐜𝐞𝐫𝐞 𝐢 𝐬𝐞𝐫𝐯𝐢𝐳𝐢 𝐜𝐡𝐞 𝐏𝐢𝐚𝐧𝐞𝐳𝐳𝐚 𝐨𝐟𝐟𝐫𝐞, per scoprire i 𝐥𝐮𝐨𝐠𝐡𝐢, la 𝐬𝐭𝐨𝐫𝐢𝐚, le 𝐚𝐬𝐬𝐨𝐜𝐢𝐚𝐳𝐢𝐨𝐧𝐢 ma anche 𝐥’𝐞𝐜𝐨𝐧𝐨𝐦𝐢𝐚 e le varie 𝐚𝐭𝐭𝐢𝐯𝐢𝐭𝐚̀ 𝐩𝐫𝐨𝐝𝐮𝐭𝐭𝐢𝐯𝐞 presenti.

Un progetto che abbiamo portato avanti e infine realizzato quest’anno, con il proposito di avvicinare la pubblica amministrazione ai cittadini, in modo tale renderla più vicina alle loro esigenze, rispondendo a domande e offrendo indicazioni che possano essere utili a tutti per conoscere e vivere al meglio Pianezza. Ringraziando quanti hanno partecipato alla realizzazione diquesta guida Vi saluto affettuosamente!

Vi ricordo che è in 𝐝𝐢𝐬𝐭𝐫𝐢𝐛𝐮𝐳𝐢𝐨𝐧𝐞 𝐭𝐫𝐚 𝐢𝐞𝐫𝐢 𝐞 𝐨𝐠𝐠𝐢 (23-24 Luglio) nelle vostre buche delle lettere, chi non lo ricevesse, scriva un email a urp@comune.pianezza.to.it oppure potrà ritirarla direttamente in Comune presso l’ufficio URP.

Troverete la versione online a questo link: CLICCA QUI

𝐀𝐧𝐭𝐨𝐧𝐢𝐨 𝐂𝐚𝐬𝐭𝐞𝐥𝐥𝐨

Progetto Agro – Pastorale Kapa

Progetto Agro – Pastorale Kapa

Un sostegno per un progetto che travalica i confini della città di Pianezza e dell’Italia per raggiungere l’Africa, il Senegal. E precisamnete Nguène.

“Un’iniziativa su più fasi e livelli che si pone come obiettivo ambizioso quello di giungere allo sviluppo rurale e agro-pastorale di quel territorio da un lato e dall’altro di migliorare le condizioni di vivibiliità di ogni essere umano che lì vi abita, con particolare sensibilità allo stato del genere femminile” spiega l’Assessore all’agricoltura e alle pari opportunitá Anna Franco.

Il Comune di Pianezza nei giorni scorsi, attraverso il giornalista Pietro Marcellino, ha consegnato una targa a dimostrazione della volontà di contribuire fattivamente al progetto denominato Kapa.
Proprio in occasione dell’8 marzo, l’amministrazione pianezzese vuole concentrarsi sulla parte di progetto che cerca di dare più dignità alle donne senegalesi.
“Decidendo di sostenere l’intervento di portare l’acqua nel villaggio con l’invio sul posto di attrezzature e materiali utili – racconta Antonio Castello – creiamo le condizioni per cui le donne smettano di essere considerate soggetti di trasporto. Oggi continuano a trasportare l’acqua con contenitori pesantissimi sulla testa”.

Senegal – Progetto Agro-Pastorale Kapa con il Patrocinio del Comune di Pianezza


La tradizionale divisione del lavoro dell’attuale Senegal vede le donne, nelle zone rurali, responsabili di compiti di famiglia come la cucina, la pulizia e l’assistenza ai figli; esse sono anche responsabili di una gran parte del lavoro agricolo, tra cui il taglio e la raccolta, per colture comuni come il riso.
“È doveroso – continuano il primo cittadino e l’assessore – promuovere un maggior numero di iniziative in favore dell’autonomizzazione femminile. Ed in tal senso il progetto Kapa si pone obiettivi importanti: lo sviluppo rurale, l’eliminazione delle barriere, la riduzione delle disuguaglianze, la creazione di un ambiente sostenibile. Promuovere la parità di genere come fattore determinante per lo sviluppo rurale. Un’attività di sensibilizzazione, di formazione e di crescita del villaggio diventa essenziale nel segno dell’eguaglianza e della lotta alle discriminazioni e alle violenze”.
“Ringrazio – conclude infine il Sindaco – oltre Pietro Marcellino, anche l’Istituto Dalmasso per il fattivo contributo e Fallou, un ragazzo senegalese sposato con una cittadina pianezzese, per l’impegno e la perseveranza nel portare avanti questo progetto”.

Il Sindaco
Antonio Castello

Buoni Spesa – Marzo 2021

Buoni Spesa – Marzo 2021

Potranno far domanda i nuclei familiari più esposti agli effetti economici derivanti dall’emergenza epidemiologica da virus Covid-19 e tra quelli in stato di bisogno che per soddisfare le necessità più urgenti ed essenziali con priorità per quelli non già assegnatari di sostegno pubblico che non abbiano un reddito pro capite mensile da lavoro o da pensione dichiarato fissato ad € 800,00, acquisendo l’istanza con autocertificazione/dichiarazione sostitutiva sulla loro condizione economica e sociale.

A ciascun nucleo familiare che ne faccia richiesta verrà erogato un contributo fino a un massimo di € 300,00 tramite buoni spesa che sarà determinato in base al numero delle istanze pervenute, alla composizione del nucleo familiare e fino a quando le somme trasferite saranno disponibili secondo la ripartizione stabilita.

Si ricorda che le dichiarazioni mendaci sono sanzionabili penalmente di cui all’art. 76 del DPR 445/2000.

La domanda deve essere consegnata a mano, presso lo sportello dedicato del Comune di Pianezza nelle seguenti date e orari:

  • martedì 16 marzo 2021 dalle ore 8,30 alle ore 12,30
  • mercoledì 17 marzo 2021 dalle ore 8,30 alle ore 12,30 e dalle ore 14,30 alle ore 16,30
  • giovedì 18 marzo 2021 dalle ore 8,30 alle ore 12,30 e dalle ore 14,30 alle ore 16,30
  • venerdì 19 marzo 2021 dalle ore 8,30 alle ore 12,30
  • lunedì 22 marzo 2021 dalle ore 8,30 alle ore 12,30 e dalle ore 14,30 alle ore 16,30
  • martedì 23 marzo 2021 dalle ore 8,30 alle ore 12,30

Scarica la domanda di ammissione alle misure urgenti di solidarietà alimentare

Il Sindaco
Antonio Castello

PROGETTO P.R.At.I.C.O. Programma di attivita’ per disoccupati/e over 30 anni per il 2021

PROGETTO P.R.At.I.C.O. Programma di attivita’ per disoccupati/e over 30 anni per il 2021

Per i Comuni di Alpignano, Buttigliera Alta, Collegno, Druento, Grugliasco, Pianezza, Rivoli, Rosta, San Gillio, Venaria, Villarbasse.

Riparte il progetto “Pratico”, il programma di ricerca attiva del lavoro promosso e finanziato dal “Patto Territoriale Zona Ovest” e dai Comuni di Alpignano, Buttigliera Alta, Collegno, Druento, Grugliasco, Pianezza, Rivoli, Rosta, San Gillio, Venaria, Villarbasse.

Il progetto è rivolto ai disoccupati e inoccupati residenti in una delle undici municipalità della zona ovest di Torino e che abbiano i seguenti requisiti: compiuto almeno 30 anni, di avere un’attestazione Isee uguale o inferiore a 25mila euro, di essere un disoccupato iscritto presso un Centro per l’Impiego e non aver attivato il “Buono Servizi Lavoro” della Regione Piemonte, oppure averlo già concluso alla data di presentazione della domanda. Di essere privo di requisiti per accedere agli ammortizzatori sociali (Naspi, altre forme di sostegno al reddito pubbliche) o di esserne privo alla data della presentazione della domanda. Non essere percettori del Reddito di cittadinanza, in quanto già destinatari di beneficio economico e di altra politica.
Non aver partecipato, dal 1 gennaio 2020 alla data di presentazione della domanda, ad altri progetti promossi dai Comuni della Zona Ovest di Torino con percezione di reddito/indennità. Non aver partecipato ai precedenti progetti P.R.At.I.CO dal 1 gennaio 2019. Non sono infine ammissibili al progetto due persone appartenenti allo stesso nucleo famigliare.

Ai soggetti selezionati verranno erogati in modo differenziato – a seconda delle esperienze professionali possedute e della partecipazione a precedenti progetti di sostegno alla ricerca del lavoro – attività di orientamento; attività di supporto nella ricerca del lavoro (colloqui individuali, counseling, ricerca attiva del lavoro, ecc); tirocinio in azienda o brevi moduli formativi se valutati utili a rafforzare l’occupabilità e coerentemente con i profili richiesti dalle aziende; un sostegno economico pari a 400 Euro al mese per un massimo di 3 mesi secondo modalità che verranno concordate nella fase di presa in carico.

I partecipanti che vengono presi in carico da Zona Ovest e non rispetteranno gli impegni assunti con il patto di adesione, verranno estromessi dal progetto e agli stessi verrà revocato il sostegno economico.

Le domande si possono presentare quindi entro il 30 settembre 2021, salvo ulteriore proroga del termine e previa disponibilità delle risorse.

Per l’accesso al progetto fa fede il protocollo di ricezione della domanda da parte del Comune di residenza.

Per maggiori informazioni, telefonare nei rispettivi municipi:

Comune di Pianezza: 011-9670232;
Comune di Alpignano: 011-9682736;
Comune di Collegno: 011-4015527;
Comune di Druento: 011-9940733;
Comune di Grugliasco: 011-4013300/313;
Comune di Rivoli: 011-95113589;
Comune di San Gillio: 011-9840813/int. 5;
Comune di Venaria: 011-4072408/451;

Il Palazzo Comunale si tinge di giallo per Patrick Zaki

Il Palazzo Comunale si tinge di giallo per Patrick Zaki

Comunicato stampa Comune di Pianezza
Ad un anno esatto dalla carcerazione di Patrick Zaki, il Comune di Pianezza aderisce all’iniziativa promossa da Amnesty International e rivolta ai comuni italiani di illuminare simbolicamente un monumento presente nel proprio territorio, al fine di esprimere il dissenso verso l’incarcerazione dello studente egiziano. Zaki, che fino al 2019 aveva preso parte ad un Master in Studi di genere presso l’Università “Alma Mater” di Bologna, è stato fermato all’aeroporto del Cairo il 7 febbraio 2020 e da allora è detenuto presso il carcere della capitale egiziana. Patrick rischia fino a 25 anni di carcere per dieci post di un account Facebook considerato ‘falso’ dalla sua difesa, ma che ha consentito alla magistratura egiziana di formulare pesanti accuse di “incitamento alla protesta” e “istigazione a crimini terroristici”.

Link:
Appello Amnesty

AAA Nonno Vigile Cercasi 

AAA Nonno Vigile Cercasi 

Castello e Franco: “I Nonni Vigili sono una componente essenziale della nostra comunità”

Ad anno scolastico concluso, il Comune di Pianezza dà ufficialmente il via alla ricerca dei nuovi “Nonni Vigili”, figure ormai note a tutta la comunità che, da diversi anni, ogni giorno si adoperano per fornire agli studenti un ingresso e un’uscita dagli edifici scolastici in tutta sicurezza.

Il servizio volontario offerto dai “nonni” è attivo dal 2001 , grazie alla collaborazione con il Centro Incontro Anziani di Pianezza e, in questi diciotto anni di attività, ha registrato enormi consensi sia dal punto di vista dei cittadini sia da quello degli stessi nonni vigili. Se, da una parte, le loro figure contribuiscono a far sentire allievi e genitori più sicuri e assistiti nel momento dell’ingresso e dell’uscita da scuola, dall’altra, questo compito rappresenta per gli anziani una concreta forma di partecipazione alla vita della comunità.

“Nel corso di questi anni abbiamo osservato con quale costanza e impegno i nonni vigili portino a termine quotidianamente il loro compito” commenta l’assessore alle politiche sociali Anna Franco. “Che ci sia sole, pioggia o neve; che siano le 8 del mattino o le 4 del pomeriggio, coloro che forniscono questo straordinario servizio sono sempre pronti ad accogliere a scuola gli studenti e a regalare loro un sorriso”.

Non una semplice attività con cui impegnare le giornate, dunque, ma un vero e proprio strumento di inclusione sociale per gli anziani, che permette loro di sentirsi utili e di creare quel contatto umano che, spesso, con l’età avanzata, tende a essere sempre meno presente.  “Il lavoro dei nonni vigili è semplicemente encomiabile”, conclude il sindaco Antonio Castello, “sono una componente essenziale della nostra comunità e una grande risorsa per il territorio. Non possiamo che augurarci di raccogliere tante nuove adesioni per l’inizio del prossimo anno scolastico”.

Per chi fosse interessato ad aderire all’iniziativa e a entrare a far parte del “team” dei nonni vigili, i numeri da contattare sono: 3338196678, oppure 3389781673.

Laboratorio: “Metodo di Studio”

Laboratorio: “Metodo di Studio”

In arrivo a Pianezza la seconda edizione del Laboratorio “Metodo di studio”

L’avvento dell’estate porterà nei pomeriggi pianezzesi un gradito ritorno, ovvero il laboratorio gratuito dal nome “Metodo di studio”, il cui proposito, nonché sottotitolo, è quello di promuovere la motivazione allo studio e l’autonomia negli alunni di età compresa tra gli 8 e i 14 anni. Il laboratorio, organizzato dal Comune di Pianezza, avrà inizio il 18 giugno e si svolgerà nell’arco di un mese con incontri a cadenza bisettimanale, opportunamente divisi per alunni della scuola primaria e alunni della scuola secondaria.
“Quello che ci proponiamo di fare con questa iniziativa” ci spiega la psicologa referente Silvia Vayr, “è stimolare nei ragazzi un interesse attivo nei confronti dello studio, insegnando loro soprattutto a riconoscere e valorizzare le proprie risorse personali e aiutandoli a lavorare su autostima e consapevolezza”.


Se, infatti, la precedente edizione del laboratorio poneva l’attenzione esclusivamente sul metodo di studio e l’organizzazione del lavoro scolastico, quest’anno le due psicologhe responsabili del progetto si concentreranno anche sul potenziamento della motivazione e
dell’autostima, al fine di fornire ai giovani partecipanti un percorso formativo a livello scolastico ma anche e soprattutto personale.
“L’idea di questo laboratorio nasce proprio da qui” racconta il Sindaco Antonio Castello.
“Dalla volontà di offrire ai nostri giovani uno spazio dove poter intraprendere un’esperienza di studio positiva e, allo stesso tempo, conoscere meglio loro stessi; capire quali siano le loro potenzialità e quali, invece, i punti su cui migliorare, il tutto all’interno di un ambiente
che sia accogliente e motivante.”

In aggiunta a tutto questo, ogni giovedì, il laboratorio sarà dedicato allo svolgimento dei compiti delle vacanze, così che gli studenti possano applicare i nuovi metodi appresi e capire quali siano le strategie di studio a loro più funzionali.

Dichiarazione d’intenti

Dichiarazione d’intenti

Come candidato a consigliere regionale del Piemonte sottoscrivo e condivido pienamente la dichiarazione di intenti che mi è stata sottoposta dal movimento Cristiani per la Nazione. Amministrare il bene comune mettendo in pratica i contenuti Cristiani della dichiarazione di intenti è obiettivo primario della mia missione.
Con tanta passione.

Antonio Castello

Inclusione scolastica per ragazzi con disabilità, firmato l’accordo di programma

Inclusione scolastica per ragazzi con disabilità, firmato l’accordo di programma

CASTELLO: “Uno strumento importante per dare sostegno a tante famiglie” 

“Con orgoglio, insieme a tanti colleghi amministratori, sottoscrivo questo documento: un risultato davvero importante perchè non era assolutamente scontato riuscire a far convergere e vedere collaborare così tante realtà del territorio su un tema delicato come quello della disabilità”, con queste parole Antonio Castello, sindaco di Pianezza e promotore del progetto, commenta la stipula dell’accordo di programma per l’inclusione scolastica e formativa di ragazzi disabili. Stamane a Pianezza i comuni della zona nord-ovest che fanno parte del Consorzio Intercomunale dei Servizi Socio Assistenziali (Pianezza, Venaria, Druento, S. Gillio, Givoletto, Caselette, La Cassa, Alpignano, Val della Torre), insieme alla Città Metropolitana di Torino, all’ASL TO3, al CISSA, a tutto il mondo delle Istituzioni Scolastiche presenti sui territori e alle associazioni di settore, hanno sottoscritto il documento che, ora, potrà finalmente essere sottoposto all’approvazione di ogni singolo consiglio comunale. 

Pianezza sarà il comune capofila di questo accordo. 

Un documento che impegnerà tutti gli attori ad intervenire in modo più capillare, ricercando ed impegnando maggiori risorse, per l’integrazione scolastica degli alunni con disabilità o con esigenze educative speciali. 

“Abbiamo condotto in porto – sostiene ancora il primo cittadino di Pianezza – uno straordinario lavoro che migliorerà un servizio verso i ragazzi e le famiglie che convivono quotidianamente con situazioni di handicap. Permettendo loro di garantire un sostegno educativo e formativo adeguato e, di conseguenza, riuscendo ad integrare ore di sostegno laddove vi è più bisogno. 
Ringrazio tutti i soggetti e gli enti coinvolti per la grande disponibilità dimostrata”.